Loredana Mancini

La rappresentazione della danza e del movimento ritmico nell’arte Greca

Article publié le 23 juillet 2010

Pour citer cet article : Loredana Mancini , « La rappresentazione della danza e del movimento ritmico nell’arte Greca  », Rhuthmos, 23 juillet 2010 [en ligne]. http://rhuthmos.eu/spip.php?article152
Enregistrer au format PDF Version imprimable de cet article Version imprimable envoyer l'article par mail envoyer par mail

Uno studio storico sulla danza, e in particolare sulla sua rappresentabilità in immagini, dovrebbe prendere le mosse da un tentativo di dare una definizione, sia pure arbitraria e generica, di cos’è la danza, così da disporre di un parametro di riferimento che consenta di distinguere le rappresentazioni della danza all’interno del complesso dei segni con i quali un determinato codice figurativo rappresenta, più in generale, il movimento. Una definizione di base, generalmente accettata, è quella formulata dagli studiosi di etnocoreologia, ovvero da quegli etnografi che si occupano specificamente di danza : a differenza delle attività motorie ordinarie, la danza può essere definita come un « comportamento umano composto da sequenze di movimenti intenzionali, culturalmente strutturate e ritmicamente scandite, aventi un valore estetico riconosciuto dal gruppo di appartenenza » (la definizione è di Judith Lynne Hanna). Perché un movimento intenzionale e ordinato sia danza, è necessario che esso eserciti inoltre un’efficacia comunicativa attraverso un codice non-verbale.


Ma cosa ne pensavano i Greci ? Nella Poetica, trattando degli strumenti espressivi che i vari generi artistici hanno a propria disposizione, Aristotele indica [...]


La suite ici.

Suivre la vie du site RSS 2.0 | Plan du site | Espace privé | SPIP